Nella classe di Antonino….c’è un bambino..

Di Anna Cicalese.

Non chiedetemi perché tra tanti disegni di un istituto comprensivo siciliano all’avanguardia.. ho scelto questo ….ma se proprio lo volete sapere, io ve lo racconto.

Veronica come stai? Ma chi sono questi angeli che hanno avuto questa straordinaria intuizione comunicativa con la classe di Dylanuccio,devono avere un cuore grandissimo oltre che professionalita’ da vendere! La risposta della ormai popolare mamma coraggio Veronica La Camera arriva subito….

Cara Anna sono la maestra Katia Gussio e Alessandra De Simona che è la Terapista della comunicazione alternativa che va a scuola con Dylan… e lo seguirà anche alle elementari……

Io e Veronica ci siamo conosciute un po di tempo fa, seguivo questa ragazza bellissima, questi suoi occhioni innamorati e fieri del suo primo figlio maschio, un bambino che oggi possiamo definire un miracolo d’amore …IL MIRACOLO, si..perché Dylan oggi forse non doveva essere tra noi…ma non solo lui purtroppo anche la sua mamma ha rischiato tanto ma che insieme e dico LETTERALMENTE INSIEME….sono RINATI il primo vagito di Dylan ha risvegliato Veronica dal coma,ma la storia è talmente lunga e complicata,che ancora oggi…non ci si da una spiegazione a quello che è accaduto,e che non lo dico io,anzi è stato accertato….si poteva e si DOVEVA EVITARE.

La storia potete leggerla per intero sulle pagine social dei genitori di Dylan, dove anche io ho dedicato un articolo a queste splendide persone…..ma oggi vi voglio davvero emozionare….con una giornata speciale in classe con Dylan…ma concedetevi piccoli accenni per comprendere meglio i sacrifici di una famiglia speciale.

Ci vuole tanto amore

Fatto sta che dopo la nascita di Dylan, iniziano tante complicazioni dovute ad una sofferenza fetale preventivamente annunciata da mamma Veronica, ma pare che nessuno abbia dato ascolto a quello che in quei momenti concitati lei stava cercando a suo modo di spiegare.Passano i giorni mamma e figlio sono fuori pericolo,ma questa famiglia non ha il tempo di gioire…e diagnosi dopo diagnosi..viene comunicato loro che Dylan il bimbo più bello del mondo…forse anzi quasi sicuramente non potrà vivere una vita come quella di tanti altri bimbi,lo sconforto la rabbia la paura di quello che giovanissimi dovranno affrontare fanno il giro del mondo….e in men che non si dica grazie ai social la storia di Dylan arriva nelle nostre case, la sera ci ritroviamo anche solo per un saluto e con piccoli e grandi gesti, dalla nascita ad oggi della nuova vita di questa famiglia ognuno cerca di non lasciare mai e dico mai soli questi genitori meravigliosi.

Dylan è seguito dai migliori medici e ogni anno una piccola raccolta fondi permette a quest’angelo di volare lontano e ricevere terapie costose e tante volte impegnative soprattutto emotivamente perché nessuna mamma o papà vorrebbe mai vedere soffrire il proprio bambino,anche se è per il suo bene, alcune manovre fisioterapiche sono difficili da affrontare e tollerare da un bimbo, Dylan piange si dispera…non vuole ma lui è un guerriero e cerca di non mollare mai….non lo ha mai fatto,lo dimostra continuamente ed è proprio grazie ai suoi immensi sorrisi….che Dylan conquista tutti……ma proprio tutti.

Questo bambino è un grande stimolo per chi ama e sente come una missione il proprio lavoro, finalmente tra i tanti ostacoli e le difficoltà giornaliere, i docenti in simbiosi con i terapisti di Dylan riescono a sensibilizzare in maniera che non si era mai vista prima un’intera classe di bimbi piccoli piccoli che per la prima volta si affacciano a questo tipo di problematiche

Cartelloni con filastrocche che personalmente ho letto con un nodo alla gola…disegni che raccontano come i compagni di classe vedono Dylan, e come sempre sono proprio loro…con la guida speciale di maestre speciali…ad insegnarci tanto, mi stupisce il fatto che gli occhi ingenui riescono ad abbattere barriere architettoniche,burocratiche e ci portano per mano nel loro mondo,il piu delle volte l’errore sta nello schermare i giovani per paura di forse di dover dare troppe spiegazioni….qi quando per esempio Dylanuccio all’ora della merenda….non può ritrovarsi a mangiare cose come farebbe un qualsiasi bimbo della sua età, questo perché lui non può, ma con tanto stupore ho letto una filastrocca ideata dai bambini dove sono riusciti ad elevare il suo mondo fatto di SCONOSCIUTE PEG….al NOSTRO DI MONDO, lo hanno fatto semplicemente raccontando una storia……dolce e appassionata, in poche righe hanno spiegato che…Nella classe di Antonino…c’è un bambino..che quando è l’ora della merenda non utilizza la bocca come tutti noi….anche se ha una bocca bellissima, lui utilizza un tubicino come farebbe il più elegante tra gli animali….come il più bel fiorellino nel giardino, ora scrivo…e mi scende una lacrimuccia come si fa a non commuoversi davanti a tanta dolcezza…….ebbene si,sapete perché? Perché Antonino…che in questo caso rappresenta tutti i bambini del mondo…ma è da tempo che non guarda più con sospetto….il bimbo con il tubicino…anzi quando è ora di far merenda…ANTONINO STRINGE A SE LA MANINA..DI QUEL BIMBO PICCOLINO……

Perché ai bambini basta un prato verde per essere felici.

Ecco come Elisa immagina e vede Dylan
Antonino ascolta rapito la metafora della vita….
E come se Elisa ci avesse presi per mano….iniziamo con il suo disegno…e terminiamo con Dylan felice a scrivere storie e filastrocche per chi non ha compreso….per chi non vuole comprendere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...